Ti richiamo io ...

definiamola pure la metafora del " Ti richiamo io !",E' di quelle che ognuno ha subito o fatto subire almeno una volta nella vita.
Significa: " per carità, non chiamarmi di nuovo, non saprei cosa risponderti! Al momento non posso interessarmi del tuo problema, ma non posso dirtelo così, brutalmente, però, forse, prima o poi lo potrò esaminare, potrò magari fare qualcosa; insomma la tua questione non è proprio in cima ai miei pensieri, per lo meno al momento ... ma siccome non posso dirti tutto questo chiaramente, sintetizzo con un bel "Ti richiamo io !", che tronca ogni tua intenzione persecutoria.

La metafora del "Ti richiamo io" spezza l'arma in mano a chi pensa di farti cedere utilizzando una insistenza che presto diventa sgradevole "invadenza", che ti lascia senza respiro. L'unica possibile difesa diventa un deciso anche se non sempre convincente: "Ti richiamo io!", se poi si aggiunge un "quando saprò qualcosa", allora per l'altro non c'è proprio più speranza, perché il riferimento al quando saprò qualcosa rende il tutto davvero vaghissimo. Il "Ti richiamo io!" è un passe partout "svicolatorio", in alcuni l'unica arma di difesa. Questo anche nei rapporti interpersonali.

C'è l'uomo che si è fatto troppo tentare dal fascino di una donna, spingendosi troppo avanti; " quasi quasi, vuoi vedere che si stanno innamorando tutti e due?" Cosa davvero ingestibile sarebbe! Eroicamente, allora, lui brandisce un solenne " Ti richiamo io", con ciò troncando le telefonate di lei, fatte di slancio nelle ore più improbabili e inopportune, fidando nell'orgoglio femminile, che effettivamente esiste, Di fronte alla proclamazione del "Ti richiamo io!", mai più potrà, dignitosamente, richiamare lei.
A sua volta, la signora perseguitata da un ammiratore focoso e che all'inizio accetta il corteggiamento un pò perché lusingata, un pò per curiosità, un pò perché attratta "allargandosi magari troppo" ma senza profonda convinzione, può trovarsi nella situazione critica di dovere retrocedere ma non può farlo onorevolmente troncando la relazione di netto! E allora arriva il drastico, anche se gentile "Ti richiamo io"quando possibile" e si sfila, così, morbidamente, assorbendo anche le sue lievi o profonde incertezze. Ma ... chissà, magari arriverà davvero un giorno di nostalgia, di solitudine, di voglia di rivedersi ... in cui lo richiamerà.
Ma allora si ttatterà di un'altra storia....