Seagulls

Una sera, salendo in terrazza...... GABBIANI IN CITTA'

Sò salito in terrazza l'altra sera
e nun c'era la solita atmosfera
ch'è fatta de tramonti e de bellezza...
C'era quarcosa d'artro, oltre la brezza
e una visione che te dà emozione,
visto che c'hai davanti er Cuppolone.
Una voce paurosa, piano piano,
C'hè aumentata mortissimo... un gabbiano
s'è arzato da un tettuccio e m'ha attaccato,
io sotto a un tavolo me sò tuffato
ma quello me voleva pijà a morzi
e intanto... j'arivavano i rinforzi
richiamati dar grido sovrumano
de questo... fottutissimo gabbiano
L'uccello, dopo un pò s'è allontanato
e dentro casa me sò riparato.
Nun se sentiva più manco nò strillo
io stavo morto ... morto più tranquillo.

Invece la matina, a colazione
s'è fatta chiara questa situazione,
proprio sur tetto der terazzo mio
se sentiva un dorcissimo "pio... pio"
me sembrava un purcino, e me sò accorto
che de gabbiano c'era un cucciolotto.
La madre, all'erta, coll'ali spiegate
come pè dicce: "Nun v'avvicinate!"
Intanto er padre puro era tornato
su n'cammino più in arto, appollaiato.
La coppia ce guardava minacciosa
e controllava intorno ogniquarcosa.
Garrisce e stride, è er verso der gabbiano
che si lo senti pare sovrumano.
E' così che richiama quarche stormo
che stà a passà per caso lì d'attorno,
purtroppo se buttaveno in picchiata
e sparaveno quarche scacazzata ...
Più veloci de loro noi scappammo,
dar terazzo in salotto riparammo.

la notte mia passò morto aggitata
nella ricerca de quarche penzata,
dopo avè riflettuto n'paro d'ore
ho cercato n'esperto der settore,
tutti i consiji sui l'ho messi in atto
pè cercà de risorvere stò fatto
... dice: "Dovete da salire in tanti...
e coll'ombrelli aperti e cò li guanti,
così sete de più e li spaventate
e ve sarvate dalle scacazzate.
In effetti er sistema ha funzionato
ma c'è da dì che er vero risurtato
c'èstato quanno che er gabbiano padre
ha fatto un grido forte, cò la madre...

M'hanno fissato, come a dì "che famo?"
la vita nostra ce la rovinamo?"
ce stava fra de loro er piccoletto
ereno proprio belli su quer tetto...
feci chiude l'ombrelli e uscì la gente
che ormai nun ce serviveno più a gnente!
Li gabbiani sembraveno stà in posa
pe fà nà foto a immortalà quarcosa,
io, co mì moje e co la nipotina
seguimmo dei gabbini la manfrina...
de fatto s'era aperta na' riunione
ognuno co' la sua delegazzione...

Er padre s'atteggiò da saggio vecchio
io lo seguivo in segno de rispetto,
mosse er collo e me fece n'antro verzo,
io nell'imitazzione m'ero immerzo
e feci tale e quale e anche la madre
rifece come aveva fatto er padre,
me sembrava che pure er gabbianino
me guardava e faceva n'occhiolino ...
...alla fine, quer padre sembrò umano,
quasi pe dimme "damme qui la mano"
sbattè du vorte l'ale e tornò ar nido ...
ormai l'accordo s'era stabbilito.

Da quer giorno in terazza conviviamo
noi e loro, tipo "come stamo stamo",
li gabbiani ce guardeno felici,
ce frequentamo come vecchi amici.
Adesso penzo, co' gran tenerezza
a quanno andranno via... sai che tristezza!
Ma intanto ho richiamato er conzulente
per una soluzzione permanente...
"Trova un sistema perchè ner futuro
contro i gabbiani possa stacce un muro
pe nun vedelli più e assieme a quelli
manco i piccioni, i merli e l'artri uccelli ....